Esto sólo puede pasar en Italia. Capítulo V

El Gobierno italiano, come di solito, haciendo bien las cosas y convirtiéndose, come di solito, en el hazmerreir de Europa.

Ayer, después semanas, se comenzó a desalojar a los inmigrantes que se hacinaban en el puerto de Lampedusa. Lampedusa es una isla italiana, situada en el Mediterráneo y que se encuentra a 250 km de Sicilia y a 100 de Túnez. El territorio italiano más al sur. En las últimas semanas se ha colocado en el plano internacional por ser una de las principales puertas de entrada para aquellos inmigrantes que buscan, de manera desesperada, ingresar en Europa, escapando de las revueltas árabes. (En su mayoría tunecinos)

Las condiciones en las que han estado viviendo y viven, porque por el viento no se ha podido desalojar aún a todos, son vergonzosas, de abandono y de poquita humanidad, por no decir que incumplen claramente con las leyes fijadas por los tratados internacionales de migración.

Señores del Gobierno, cuando alguien llega a las costas de tu país, lo mínimo es una manta, un albergue, atención médica, servicios higiénicos y algo de comida caliente. Dejarlos dormir a la intemperie y sin atención durante semanas, está feo.

4 pensamientos en “Esto sólo puede pasar en Italia. Capítulo V

  1. Ok, perhaps our government would or should have done a little better, but let’s not forget that your very humanitarian government gave the order to shoot to illegal immigrants. And France, too gave strict orders to the police at the borders to avoid those immigrants to reach their country, and most of them have the right to do so, due to the fact that they have a member of their family there.
    Of course Italian government was guilty not to use the law that grants a touristic permit for three months in this situations, but the truth is the Europe didn’t force us to do so, because everyone knows that once they have that permit, they would never leave the continent; so everyone is guilty, but it’s easier to put everything on our shoulders because we have this folkloristic prime minister and we have this fame of being chaotics, but that’s just a stereotype, the facts are differents…
    About Lampedusa, that is a small island, not able to receive more the 500 immigrants, they are arriving thousands per day, it’s impossible to handle that in a reasonable way. They tried to put tents but the people of lampedusa organised strikes and protests to avoid that and it’s easy to understand why… Once again, I think it’s easy to say: “they have to grant good conditions” but the ugly truth is way different, and it’s always dangerous to use situations like that for political propaganda…

    • Il governo spagnolo è il primo della Europa che fa schifo e quando voui parliamo di tutto quello che loro fanno ” a cazzo di cane” o ancora peggio. É certo che, por fortuna, noi non abbiamo un “primo ministro” che sembra un buffone, o non ancora, e questo rende le cose più faccile.

      Le cose, con un po d’intenzione e planificazione se possono fare sempre meggio. Comunque il problema non è offrire o no un permeso di turismo per tre mesi, che come dicci tu non conviene a nessuno è di questo siamo tutti colpevole. Il problema qua è la situazione d’abbandono e la violazione dei diritti umani e di questo l’unico colpavile è il governo. È vero che la situazione è complicata e che tutti i governi dil mondo avrebbero avuto difficoltà a gestire una situazione del genere ma questo non è ragione per non dire che le cose sono andate male. Comunque in questo caso non era nemmeno una critica politica.

      Non ti arrabbiare perche tu sei il primo che critichi. Posso capire che da fastidio che una spagnola di merda venga a criticare al tuo paesse, (politicamente parlando, perche per il resto tu sai che io sono fan) però questo blog è la visione di una spagnola delle cose che succedeno all’Italia. Quando staremo alla Spagna criticaremmo al governo spagnolo insieme o ancora meggio al francese, tititit!

      Secondo me, Dome, tutto sarebbe meggio se tu fossi il primo ministro! MAGARI!!! Devi presentarte, io sarebbe la tua fan. Comunque, non era che tu non capivi il spagnolo???

  2. Non sono affatto d’accordo sulla situazione di abbandono e di violazione dei diritti umani.
    I tunisini non sono profughi di guerra, sono immigrati clandestini che cercano condizioni di vita migliori, il che è assolutamente legittimo, per carità.
    Ma se per cercare queste condizioni, arrivano su un’isola minuscola e non attrezzata non è colpa di nessuno, nessuno può rendere Lampedusa più grande o più attrezzata di quanto già non sia, a meno che non diventi un’isola fantasma evacuandone tutti i suoi cittadini e facendola diventare un’isola degli immigrati. Purtroppo l’immigrazione è piena di storie come questa, Ellis Island a Manhattan nè è l’emblema. Quando si emigra illegalmente, purtroppo, certe cose le si devono mettere in conto, non è una vacanza.
    In ogni caso, anche con il permesso di soggiorno temporaneo, che oggi è stato concesso FINALMENTE, è comunque necessaria un’identificazione nel luogo di sbarco e finchè gli immigrati continueranno ad arrivare a lampedusa le loro condizioni non saranno ottimali e la colpa non è di nessuno.
    Io non mi arrabbio perchè una spagnola critica il governo, anche perchè io questo governo non l’ho votato. Io mi arrabbio perchè questa critica avviene sotto il titolo “cose che possono accadere solo in Italia”. Questo non è vero perchè questa è una cosa che sta accadendo a tutta l’Europa, un Europa cha ha mostrato ancora una volta i suoi drammatici limiti. Ma l’Italia sta facendo quello che può, certo potrebbe averlo fatto meglio, come tutti.

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s